google-site-verification=fW9ic3r_naxgruDksv5S6Ug4tN6LSm6wUy51njmsY0M
Post recenti

Scivola all’uscita dal ristorante: si applica il foro del consumatore








Secondo la Cassazione, sez. VI-3, ordinanza 2 luglio 2020, n. 13562, nel caso in cui un avventore scivoli su una scala all’uscita del ristorante e riporti dei danni, la relativa domanda risarcitoria deve essere proposta al Giudice competente in base al foro del consumatore, applicabile in forza del contratto di ristorazione, quale foro inderogabile e rilevabile d'ufficio.


PRECEDENTI GIURISPRUDENZIALI:

Conformi:

Cass. sez. VI-3, ordinanza 2 ottobre 2018, n. 23912

Cass. sez. VI-2, ordinanza 25 gennaio 2018, n. 1951

Cass. sez. VI-2, ordinanza 12 gennaio 2015, n. 181

Cass. sez. VI-3, ordinanza 12 marzo 2014, n. 5703

Difformi:

Non si rinvengono precedenti


R. d'A. conveniva davanti al Tribunale di Roma la società C. M. & P. A. s.n.c. chiedendone la condanna al risarcimento dei danni che gli sarebbero derivati da una caduta per scivolamento su una scala all'uscita del ristorante di controparte, dove aveva pranzato; ristorante, questo, situato in Manfredonia, dove pure aveva sede la società suddetta.

Controparte si costituiva, resistendo e in particolare eccependo l'incompetenza territoriale del giudice adito a favore del Tribunale di Foggia.

Con ordinanza del 12 novembre 2018 il Tribunale ha dichiarato la propria incompetenza territoriale a favore del Tribunale di Foggia, assegnando alle parti il termine di tre mesi per la riassunzione e condannando l'attore a rifondere le spese di lite a controparte. In tale ordinanza si afferma che l'eccezione d'incompetenza territoriale, dalla convenuta avanzata tempestivamente nella comparsa di risposta, si fonda sul fatto che la domanda concerne un debito di valore, ai sensi dell'articolo 1182, quarto comma, c.c., a ciò dovendosi aggiungere che nella prospettazione attorea il sinistro si era verificato in Manfredonia e che in Manfredonia ha sede la società convenuta e hanno residenza i suoi soci.

Il Tribunale rileva poi che l'attore ha obiettato all'eccezione nel senso che varrebbe l'inderogabilità del foro del consumatore in forza del D.Lgs. n. 206/2005, foro da individuarsi in Roma dove l'attore ha residenza o comunque domicilio elettivo.

Il Tribunale supera questa obiezione asserendo che l'attore ha agito ai sensi degli articoli 2051 e/o 2043 c.c., chiedendo il risarcimento di danno solo extracontrattuale e non, quindi, contrattuale, da ciò desumendo che derivi "inapplicabilità alla fattispecie dello speciale foro del consumatore, non risultando in discussione il rapporto contrattuale intercorso fra le parti"; in seguito esamina i fori alternativi addotti dalla convenuta per giungere, appunto, a dichiarare la propria incompetenza territoriale a favore del Tribunale di Foggia.

R. d'A. ha proposto ricorso per regolamento di competenza, sulla base di due motivi.

Il primo motivo denuncia violazione dell'articolo 38 c.p.c., lamentando l'omessa disamina del foro del consumatore e comunque la mancata considerazione di tutti i fori territoriali concorrenti nella fattispecie. Richiamando giurisprudenza di questa Suprema Corte, si osserva che il luogo di residenza o di domicilio del consumatore è fissato dalla legge, per cui il consumatore non ha l'onere di indicarlo nell'atto introduttivo; peraltro, l'attuale ricorrente avrebbe indicato il proprio domicilio nell'atto introduttivo, e "codesta corte ha più volte ribadito che, a prescindere dalla circostanza per cui domicilio e residenza vanno considerati implicitamente indicati nell'atto che introduce il giudizio, spetta al convenuto esaminare tutti i Fori alternativi prestabiliti dalla legge". E nella "prima risposta" la convenuta non avrebbe esaminato la competenza relativa al rapporto di consumo, né l'avrebbe esaminata nell'udienza celebrata ai sensi dell'articolo 183 c.p.c.

Il giudice di merito, quindi, avrebbe errato in quanto la competenza si sarebbe radicata "nel foro non esaminato, ovvero il domicilio-residenza del consumatore".

E ciò infatti non sarebbe vero. Il Tribunale ritiene altresì che l'attore "avrebbe per ciò stesso rinunciato alla domanda da illecito contrattuale", la quale sarebbe stata invece proposta, adducendosi che, nel ristorante alla cui uscita era scivolato, l'attore "aveva consumato un pasto": e invero "esser stato cliente del ristorante, e non esserci entrato per altra ragione, conduce indefettibilmente alla natura contrattuale dell'illecito". Sostiene, poi, il ricorrente che nell'atto introduttivo non avrebbe invocato l'articolo 2043 c.c., bensì l'articolo 2051 c.c., riferimento che, peraltro, sarebbe compatibile con l'azione contrattuale fondata sull'inadempimento dell'obbligazione secondaria di custodia.

Nel caso in esame "la custodia dei locali accede a quella principale della somministrazione alimentare".

Infine, il Tribunale non avrebbe concesso i termini per le memorie di cui all'articolo 183 c.p.c., mentre l'attuale ricorrente avrebbe potuto con le memorie chiarire il contenuto della propria domanda.

Il ricorso merita accoglimento.

Nella sua scarna motivazione, in effetti, il giudice di merito, a ben guardare, non è giunto affatto a escludere che non sia stata proposta anche azione contrattuale; la quale, peraltro, sussiste, per quanto evidenziato nel ricorso, ove nell'atto introduttivo è stato addotto che il d'A. era entrato nel ristorante per consumare un pranzo, e non per altre ragioni, onde è innegabile la conclusione di un contratto di ristorazione nel senso di somministrazione di alimenti.

Né, d'altronde, è sostenibile che un siffatto contratto non includa anche obbligazioni secondarie, come quella prospettata dall'attuale ricorrente di custodia della struttura ove il pasto viene somministrato: invero è, prima ancora che giuridico, del tutto logico che il ristoratore debba tenere la struttura in modo tale che essa non presenti ai clienti difficoltà, rischi o insidie per entrare o per uscire, come pure far sì che i clienti non si trovino in situazione pericolosa quando sono all'interno di essa.

Il ristoratore non coincide con l'albergatore; tuttavia, per adempiere si avvale di un immobile ed è, pertanto, obbligato a fare in modo che il cliente possa accedervi ed uscirne senza pericolo (e dunque, se vi è una scala, questa dovrà essere dotata di corrimano, composta da scalini di pedata non troppo stretta, essere tenuta pulita per evitare che sopra di essa si formino lastre di ghiaccio o macchie d'olio ecc.), come pure che quando vi è all'interno il cliente non si trovi in situazioni pericolose (per esempio, se i servizi igienici sono collegati con una scala alla sala di ristorazione, la scala deve essere illuminata e anch'essa ben strutturata; nella sala di ristorazione non vi devono essere fatiscenze per cui cadano, per esempio, calcinacci dal soffitto; se sul pavimento della sala compare improvvisamente un dislivello, deve essere segnalato per evitare l'inciampo ecc.; e tutto ciò è notorio).

Da ciò deriva che, effettivamente, il Tribunale ha commesso un duplice errore: non ha rilevato che la ricorrente non aveva eccepito in ordine a tutti i fori, non avendo preso in considerazione il foro del consumatore, applicabile in forza del contratto di ristorazione; e non ha né rilevato né poi applicato il foro del consumatore, quale foro inderogabile e rilevabile d'ufficio, a parte l'ipotesi di una clausola oggetto di specifica trattativa tra le parti, che qui sine dubio non sussiste.

Esito del ricorso:

Accoglie il ricorso e dichiara la competenza del Tribunale di Roma, cui si rimette la decisione.

Riferimenti normativi:

Art. 38 c.p.c.

Art. 167 c.p.c.

Art. 2043 c.c.


Cassazione civile, sez. VI-3, ordinanza 2 luglio 2020, n. 13562

Archivio
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square